Login / Register | Via Monte Nero 12/2 33033 Codroipo (UD)   +39 349 326 7671 Contattami su Skype
Address

Via Monte Nero 12/2 33033 Codroipo (UD) +39 349 326 7671

Open Hours

L’azienda che valuta, riduce i danni

Valutare il personale è una dell’attività più importanti che la DRU deve fare a supporto del CDA. Vediamo per quale motivo

Negli ultimi anni abbiamo assistito agli effetti che la crisi ha avuto sulle aziende. Gli effetti sono stati catastrofici: riduzione del personale, licenziamenti collettivi, chiusura di molte attività anche di quelle ritenute storiche. Ci sono però aziende che, pur appartenendo a settori colpiti duramente, sembrano aver sentito meno di altre i contraccolpi macroeconomici. Per quale motivo ci sono queste differenze? Quali sono le caratteristiche delle aziende che sono sopravvissute? Trovare un fil rouge che congiunge un fenomeno positivo e che lo spiega, può essere utile per sviluppare strategie vincenti. Parliamo di diffusione di buone prassi e una buona prassi è quella che non confonde le voci di bilancio. Se un’azienda decide di comprare una macchina per ampliare o migliorare la propria linea di produzione, la voce di bilancio a cui verrà ascritta è quella che riguarda le immobilizzazioni, ovvero gli investimenti. La macchina ha alcune caratteristiche intrinseche: produrrà beni; resterà in azienda per anni; abbiamo sostenuto una spesa per l’acquisto; avrà bisogno di riparazioni e migliorie per adeguare la produzione alle richieste di mercato; dovrà, soprattutto, funzionare al meglio.

Voglio essere provocatorio e dire che un dipendente non è diverso da una macchina. È chiaro che non sto dicendo che una persona è uguale ad un insieme di bulloni e circuiti, sto dicendo che la ragioneria ha confuso molto le idee sul valore del dipendente, ascrivendolo a voce di costo quando è invece palesemente un investimento.

Riflettiamo insieme. Anche la risorsa umana produce beni; rimarrà in azienda per anni; per avere quel dipendente, abbiamo sostenuto una spesa per la ricerca e la selezione; per farla “funzionare al meglio”, affinché soddisfi le esigenze di mercato, dovremo formarlo al meglio. Quindi la risorsa umana in questi termini non è diverso dalla macchina, quindi non deve essere considerato un costo, ma un investimento.

Quello che viene fatto sul personale è il più grande investimento che l’imprenditore possa fare. È stata proprio la crisi a chiarircelo. Il fil rouge che congiunge le aziende che hanno meno di altre risentito delle variazioni economiche, riguarda il personale. Scegliere la macchina giusta per produrre è difficile, ma lo è ancor di più scegliere i collaboratori, credere in loro, investire su di loro. Valutare bene chi si fa entrare in azienda è fondamentale ma complicato. Valutare il personale è necessario:

  • per sapere chi tra i vostri dipendenti ha bisogno di formazione mirata, risparmiando tempo e denaro;
  • chi si può esprimere al meglio in un’altra posizione organizzativa, aumentando la performance del soggetto e del gruppo;
  • chi ha le caratteristiche personali per gestire al meglio clienti e fornitori;
  • Chi è adatto a ricoprire un determinato ruolo;

…e molto altro ancora.

Insomma potreste far correre al massimo regime la vostra azienda. Potreste fare questo ed altro massimizzando la performance e l’investimento sul personale ed averne contemporaneamente ridotto i costi di gestione.

Non ci credete? Non resta che provare.

Piero Vigutto

La tua opinione ci interessa. Ora puoi commentare l’articolo direttamente su questo blog o suggerirci gli argomenti che vuoi approfondire!

Se questo articolo ti è piaciuto allora vorrai leggere anche:

Risorse Umane, risorse di valore

L’Effetto Alone nella selezione

Licenza Creative Commons

4 Recent Comments

  • graziana
    7 Luglio 2016

    Far capire alle aziende l’utilità e il vantaggio a lungo termine dell’investimento in risorse umane è essenziale non solo per il benessere dell’azienda, ma per la ripresa economica di tutta società.
    Navigando in Internet e tenendomi aggiornata vedo varie iniziative di consulenza agli imprenditori e corsi di formazione, principalmente, però, in contesti aziendali importanti o in aree industriale ed economiche all’avanguardia. Mi piacerebbe che si tenesse anche e soprattutto conto di piccole realtà imprenditoriali di Provincia dove spesso le potenzialità sono limitate da una gestione un pò miope.

    Reply
    • Piero Vigutto
      8 Luglio 2016

      Trovo giusta la considerazione. Quando anche io ho sollevato la stessa obiezione, mi è stato detto che le grandi aziende hanno soldi e tempo mentre le piccole non hanno soldi e ancor meno tempo da perdere. L’affermazione mi è sembrata una gran bella scusa per non cambiare un modo di pensare ma soprattutto di agire, anche se questo porterebbe a vantaggi indiscutibili.

      Reply
  • Kayasun Balestra
    6 Dicembre 2016

    Vorrei provare a far valutare il personale prima di assumerlo , perché finora ho fatto io ma con scarso profitto .
    Ė possibile parlarne con società specializzate ?

    Reply

Leave a Reply