Via Monte Nero 12/2 33033 Codroipo (UD)   +39 349 326 7671
Address

Via Monte Nero 12/2 33033 Codroipo (UD) +39 349 326 7671

Open Hours

Letture consigliate

Di seguito alcune letture che ci hanno particolarmente ispirato o colpito*

Vedi anche le nostre pubblicazioni

La morale aziendale di Sergio Casella. Invito tutti a leggere questo magnifico libro scritto dal manager di lungo corso Sergio Casella, un testo che apre la mente sulla gestione del rapporto con il collaboratore con cui si condivide tutto, a cui ci si riferisce come persona, che si coinvolge nella vita d’azienda perché “il leader morale condivide ciò che ha, senza la paura di perdere niente, con la sicurezza che riceverà indietro molto più di quello che ha dato. Il leader morale è senza paura e sa che, prendendosi cura degli altri, proteggendoli, facendoli crescere, cresce lui stesso. Non perde nulla, anzi, ne è arricchito” Leader di oggi, state attenti ai valori che trasmettete ai leader di domani, perché essi governeranno il mondo in cui vivremo.


Il cigno Nero ovvero come l’improbabile governa la nostra vita di Nassim Nicholas Taleb. L’autore libanese è, come dice lui, un ex broker finanziario prestato alla filosofica. Unisce conoscenze di filosofia, psicologia, matematica, statistica e storia per spiegarci come pur avendo la percezione di un completo controllo della nostra vita, essa è invece governata da leggi che per noi sono incomprensibili… fino a quando non ce le spiegano e anche dopo la chiara ed esplicita spiegazione dell’autore, vi troverete a chiedervi se ha ragione oppure no, se le considerazioni sono plausibili oppure ci sono alternative che non sono state considerate. Il libro vi porterà a vedere le cose da una prospettiva nuova, diversa, con sfaccettature che non avevate considerato ma le parole scorreranno veloci ed avrete il desiderio costante di voltare pagina per sapere per quale motivo ci comportiamo come tacchini o quale valore ha una scelta piuttosto che un’altra o anche perché i primi coloni americani si sorpresero di fronte ad un cigno nero. La teoria del caos, the butterfly effect, l’attrattore di Lorenz, la teoria dei giochi che ogni accademico vi spiegherebbe in maniera complicata, sono argomenti che vengono trattati dall’autore in maniera naturale e semplice, entreranno nelle vostre menti che vi costringeranno a vedere tutto quello che vi accade con un’ottica diversa.


audaci visionariAudaci visionari – Come gli imprenditori fondano aziende, generano fiducia e creano ricchezza – è un libro di Ray Smilor, nel quale vengono raccontati tra aneddoti e considerazioni davvero interessanti, quali sono le caratteristiche di un buon imprenditore. Potrei riassumerle in poche parole: visione, sogno, perseveranza ma che, ovviamente, non sono sufficienti per condensare la piacevolezza delle pagine. Il libro scivola via velocemente tra riflessioni e racconti di vita vissuta e reale. Quelle che vengono descritte sono storie di imprenditori, uomini e donne che, per realizzare un sogno, hanno affrontato difficoltà che a volte sembravano insormontabili. Alcuni ce l’hanno fatta, altri no. Il bello di questo libro è proprio questo: l’autore mette di fronte al lettore la dura realtà, senza condirla di assurde promesse di ricchezza e successo, come troppo spesso si trova in assurdi testi motivazionali che molto hanno a che fare con il desiderio di vendere e poco con l’imprenditoria. Il messaggio finale è però molto importante: qualunque cosa accada, che tu riesca o tu fallisca, non smettere di credere in te stesso.


Psicologia delle Follegustav-le-bon di Gustav Le Bon (1895) è un bel libro, sempre attuale. Molti si chiederanno quale attinenza abbia con la psicologia del lavoro e delle organizzazione o con la gestione del personale. Credo che molti siano i punti in comune. Del resto un team di lavor cos’altro è se non una piccola, grande folla? Questo libro è un must per chi è appassionato di sistemi di gestione delle risorse umane ma anche per i team leader a tutti i livelli che vogliono avere qualche strumento in più per comprendere le scelte e gli atteggiamenti dei sottoposti e, perché no, per riuscire a gestirli al meglio. La lettura, ovviamente, deve essere critica e contestualizzata. Non tutti i capitoli sono riferibili alla gestione del personale, tuttavia anche quelli meno correlati offrono uno spunto di riflessione non indifferente.


Gestire con le emozioniGestire con le emozioni di Franco Tartaglia edizioni Franco Angeli. L’autore si rivolge ai responsabili di tutti i livelli, mostrando come la valorizzazione delle persone e il loro coinvolgimento sia cruciale per far emergere, sviluppare ed esprimere le potenzialità dei dipendenti. Ma quali sono le competenze necessarie al leader? Strano a dirsi, ma neppure molto, sono quasi tutte le soft skills che ho elencato nel precedente articolo “Le competenze del futuro. Quali saranno quelle vincenti?” a cui si aggiungono i fattori emotivi: empatia, relazionalità, emozioni e sentimenti. Del resto le relazioni interpersonali, i processi di apprendimento, lo sviluppo del potenziale, la gestione del personale, il miglioramento del clima interno non passa proprio dalla capacità del leader di gestire correttamente e di esprimere le proprie competenze trasversali?


Comunicare stanca (chi comunica e chi ascolta) di Romano Frè, Renato PiluttiComunicare stanca (chi comunica e chi ascolta) note per un contro-manuale del capo (edizioni il Segno). Un libro diverso da quelli che si trovano nelle stazioni dei treni e che banalizzano suggerimenti pseudopratici per gli aspiranti comunicatori o leader di domani. L’opera di Renato Pilutti (teologo sistematico PhD, consulente di direzione in aziende nazionali e multinazionali e filosofo pratico di Phronesis e presidente e garante di vari Organi di Vigilanza aziendali ex D.Lgs. 231/01 nonché autore di diversi volumi e docente presso atenei statali e pontifici) e Romano Frè (esperto conoscitore della comunicazione fidelizzante e persuasiva che ha ricoperto importanti cariche manageriali nelle aree vendite e coordina progetti di Sales Academy e Team Building) si connota, appunto, per essere un contro-manuale ben diverso dagli inutili decaloghi a cui mi riferivo poc’anzi. Le sue 100 e poco più pagine sono scorrevoli e piacevoli, ma altrettanto dense di riflessioni su concetti importanti, primo tra tutti quello della comunicazione di cui Pilutti e Frè hanno saputo descrivere quella che è la vera dimensione offrendo consigli e spunti di riflessione importanti a chi ricopre incarichi direttivi a vari livelli ma anche a chi vuole semplicemente approfondire questi argomenti lontano dalle speculazioni commerciali che caratterizzano certi libri di cui possiamo tranquillamente fare a meno. Bello il passaggio sulla gestione della leadership e soprattutto quello sulla fuzzy leadership ovvero il bisogno per il leader di un confronto fuori dagli schemi per avere una visione disinteressata. Gli autori offrono anche preziosi consigli sulla gestione dello stress per migliorare la performance. Un contro-manuale capace di dare oltre agli spunti di riflessione, anche strumenti pratici da usare ogni giorno.

 

*Nota: non percepisco denaro per la segnalazione di questi testi e la recensione pubblicata è frutto della mia personale opinione.